B-IO

Nasco rossa naturale con fototipo vampirico costellato da lentiggini.
Ero una nanetta con un'enorme testa piena di boccoli rossi indomabili, addobbata con vestitini in velluto blu e collant rosa cipria di lana.
Me lo ricordo ancora quel vestitino, ricordo ancora i capricci per far capire a mia madre che No, io le scarpe con il cinturino non le volevo.
Volevo delle ballerine in vernice da grande che il cinturino sta male quasi a tutte.
Avevo 8 anni, ero felice, senza una vita adulta e reale con veri problemi, mi occupavo esclusivamente di vestire in modo adeguato le mie Barbie.
Barbie Fior di Pesco era per le occasioni speciali, Barbie Benetton era adibita agli outfit casual e comfty invece Barbie Luce di Stelle era bella solo perchè si illuminava al buoio.
Già all'epoca trovavo quelle stelle argento tremendamente tamarre.
Crescendo ho vissuto un lungo Medioevo buoio, in un mondo giusto e corretto una donna dovrebbe affrontare l'adolescenza ed il liceo solo se somigliante a Kelly Taylor e solo se il suddetto liceo sia un posto similare ad Hogwarts.
Non ho mai avuto l'acne, nemmeno a 14 anni, ma ho compensato con altre sciagure apocalittiche come: capelli ricci indomabili, doppie punte e cellulite.
Si dice che passiamo gran parte della nostra vita dormendo nel mio caso ho passato più tempo ad armeggiare con piastra e Somatoline.
Spero che quello stronzo misogino che ha partorito lo slogan " La cellulite è una malattia." provi al più presto le gioie delle emorroidi a grappolo.
Non sono un grande animale sociale.
Esco spesso ma sempre con le stesse persone e faccio cose abbastanza tranquille.
Sto lontana, come un vampiro dall'aglio, da eventi, feste, discoteche e altre cazzate mondane che detesto.
Mi piace invece leggere ed, essendo palesemente nerd, ho sempre letto quasi esclusivamente libri fantasy.
Per me non esistono racconti esistenzialisti, romanzi d'amore o roba chic-lit.
Niente Fabii Volo, con il loro qualunquismo imbarazzante da quatto soldi, niente Kinselle, con il rosa acceso dell'universo femminile e niente solitudini da numeri primi.
Io leggo per dissociarmi.
Ho bisogno di lunghe saghe, intricate trame, ambientazioni fantastiche, personaggi dai nomi nordici, immaginazione, sogno ed irrealtà.
Il mio cervello deve essere stimolato, amo costruire la mia personalissima immagine mentale di un contorto e fantastico mondo che non esiste e che non potrò mai avere.
Per questo, pur essendo lettrice onnivora, mi cibo principalmente di fantastico.
LOFTR, il capolavoro, l'ho letto nove volte, conosco palmo a palmo ogni piccolo cm di Arda, lo saprei ricostruire, saprei persino spiegarvi l'etimologia di alcuni normi presenti nel romanzo.
Non sopporto Fabio Volo e Baricco.
Non ho gusti femminili nelle letture come non li ho in ambito musicale.
Li spazio, capitoli trash-divertenti a parte, dall'indie  più sfigato al metal.
Ho una vera passione per i The Smiths e per i Libertines.
Pagherei il prezzo di una Falabella per rivedere Baratt e Doherty sullo stesso palco insieme.
Non sopporto Vasco Rossi, non sopporto nemmeno i fan di Vasco Rossi, idem per i Negramaro.
Mi piacciono Le Luci della Centrale Elettrica e mi piace quello che scrive Vasco Brondi.
Adoro Manuel Agnelli degli Afterhours.
Inizio a detestare Ma come ti vesti?.
Miccio/Gozzi e la moda sono due rette parallele che non si incontreranno mai.
Danno consigli imbarazzanti e vecchi di 30 anni, non li reggo più.
Ammetto di aver vissuto anche una tragica fase in cui, totalmente influenzata dalla visione di Gossip Girl, trovavo piacevoli i cerchietti e le calze bianche di Waldorf.
Da bambina invece smaniavo per Occhi di Gatto e per Lady Oscar.
Occhi di Gatto perchè erano fighe, ed io già sapevo che giammai lo sarei diventata e per tanto le invidiavo, Lady Oscar perchè avevo una cotta per Andrè.
Mi piaceva un po' anche Mark Lenders, il tamarro di Holly e Benji che a me gli zarri mi sono sempe piaciuti un sacco.
Amo cucinare e amo i cibi fatti in casa.
Non smanio per il junk-food, per le catene o per il fast food chic che va tanto ora.
Non impazzisco nemmeno per Starbucks, l'ultima volta con un whitemoka ho rischiato di vomitare l'anima.
Amo invece i dolci con  la frutta secca, le farine integrali e la cannella.
Bevo il the senza zucchero e spesso anche il caffè amaro.
Non riesco a non rivedere, ogni volta che lo passano in tv, un qualsiasi episodio di Harry Potter.
Adoro Twitter mentre non sopporto Facebook.
Guardo spesso partite di calcio, anche di serie B, ed in questo momento godo fortissimo perchè abbiamo buttato fuori la Germania dagli Europei.
Non sopporto l'Inter, i tifosi interisti, la Germania e la Francia.
I tifosi interisti mi provocano lo stesso fastidio dei fan di Vasco Rossi e delle infradito.
E vabhé mi piace scrivere e nel 2010 ho pensato di aprire questo blog che dovete leggere con la giusta ironia ma che dovete leggere tanto che io voglio essere ricoperta di borse Céline ed essere temuta come Anna Wintour.