giovedì 30 maggio 2013

On the Darkside they have Birkenstocks

Ci sono cose che sono oggettivamente brutte, inguardabili, sgraziate ma che inspiegabilmente vengono fatte sfilare in passerella con la mistificazione della creatività e della sperimentazione.
Tali sfrontatezze si alimentano con la convinzione che ci sarà sempre la editor o la giornalista pronta al lobotomizzato clap-clap dal front row dove tutto è superlativamente anestetizzato.
Poi però le maison non vendono, c'è la crisi del mercato ma non è necessario chissà quale analista per comprendere l'indecenza di un paio di ciabatte col pelo vendute a più di mille euro.
La cosa sconvolgente sono gli editoriali ispirati da questi sciagurate creazioni e le blogger che, tronfie di un ego privo di personalità, girano con le Birkenstock ed i calzini.

Temo di essere troppo vecchia, intollerante e caustica per tollerare tutto questo.


There are undeniably ugly, repellent and ungraceful garments; yet, they inexplicably appear during fashion shows, manipulating the concepts of creativity and experimentation.
This insolence is encouraged by the belief that there will always be a fashion editor or a journalist ready to clap no matter what from the front row of a fashion show, where everything is extremely numb.
But then designer labels struggle selling their collections: yes, it’s the crisis’ fault, but we certainly don’t need a market analyst to understand the obscenity of a pair of furry slippers put up for sale for over one thousand euros.
The most disturbing consequence of this mystification are the magazine editorials inspired by these awful creations, as well as the sight of fashion bloggers with no personality wandering the streets wearing socks with Birkenstocks.

I fear I’m too old, inflexible and way too nipping to tolerate all this shit.






via chicmuse.com
Traduzione a cura di Silvia Granzo

16 commenti:

  1. omg! questa è peggio delle decoltè con il calzino!!!!

    Lauren V.
    http://modecontemporanee.blogspot.it
    facebook page

    RispondiElimina
  2. voglio vomitare...
    però il cappello con le orecchie mi piace da morire...

    RispondiElimina
  3. No va bè...ma io sono contraria a qualsiasi forma di calzino con decoltè!
    Vogliamo parlare delle scarpe di prada giappe? Con calzino+infradito+zeppa......o dei ciabattoni col pelo di chloè?
    Mah......
    Gi

    RispondiElimina
  4. La traduzione in inglese rende meglio: all this shit! ahahahah

    RispondiElimina
  5. La traduzione in inglese rende meglio: all this shit! ahahah

    RispondiElimina
  6. Questa è la rivincita di tutti i tedeschi in vacanza a Jesolo che abbiamo perculato per anni!!

    RispondiElimina
  7. Aahahaha...quindi io e i tedeschi facciamo tendenza da una vita eh....
    ;)

    RispondiElimina
  8. Io le amo le Birkenstok per cui lo dico da sostenitrice della categoria: COL CALZINO FANNO SCHIFO AL Wc. (la solita F. da T.)

    RispondiElimina
  9. Ma, apparte l'oscenità, è inutile che la spacciano come novità..i tedeschi son secoli che girano per Cagliari in sandali e calzini ad agosto! xD

    RispondiElimina
  10. Great post!
    Love your blog so much <3
    Cris*

    RispondiElimina
  11. Le scarpe di Céline sono stata la delusione dell'anno...

    RispondiElimina
  12. cavolo questo giuro mi era sfuggito, e credo a questo punto era meglio rimanere nell'ignoranza più totale!

    RispondiElimina
  13. due semplici parole: fanno cagare! ops!;-)

    RispondiElimina
  14. Io ho i piedi piatti e porto i plantari da una vita e se non voglio girare in sneakers in estate i Birkenstock mi toccano; sì sono comodi; no non sono belli. PUNTO. :)

    RispondiElimina
  15. A me però, senza calzini ovviamente, non dispiacciono. Te che dici?

    RispondiElimina
  16. i calzini li ammetterei solo con le zeppe ;) ma con le birkenstock sono proprio da nonno!
    ottimo post Rossana ;)

    RispondiElimina